In questo blog voglio raccontare e trasmettere le storie di questi uomini diventati soldati e che oggi a cent’anni di distanza non vengano dimenticati.
Sono storie nella storia di quella che fu la Grande Guerra.
Questi caduti sono morti sul carso, in quei due anni e mezzo di sanguinose battaglie, molti di questi oggi riposano al sacrario di Redipuglia con un nome, ma per la maggior parte questo non è stato possibile. Voglio così onorare la loro memoria con questo mio tributo.

Vorranno dimenticarvi, vorranno che io dimentichi, ma non posso e non lo farò. Questa è la mia promessa a voi a tutti voi.

Vera Brittain

mercoledì 10 dicembre 2014

Sergente Magg. RONCORONI Biagio


154° Fanteria Brigata Novara

Nato a Drezzo (CO) il 9 Giugno 1890
Morto a Castagnevizza del Carso il 16 Settembre 1917
Sepolto---------


Tratto dal libro Diario di Guerra 1915-1919 di Paolo Caccia Dominioni:

9 Settembre
Ho fatto quattro chiacchere col Sergente Maggiore Roncoroni, di Como. E' uno di quelli uomini
che infondono sicurezza, così sereno e tranquillo, sempre in moto da un buco all'altro con maggiore
disinvoltura.
Verso le dieci di sera ha voluto cacciar fuori il capo per guardar meglio avanti, e una fucilata lo ha preso tra l'occhio sinistro e in naso. E' rimasto rigido senza dire una parola. Lo hanno portato a Dolina Novara.

10 Settembre
Stamattina sono stato a vedere Roncoroni mentre gli scavavano la fossa. Un fazzoletto gli copriva il viso; l'ho tolto per salutare ancora una volta la sua bella faccia maschia. Un forellino da niente vicino all'occhio. Un pò di umore luccicava sulla guancia sinistra.
Tutto il giorno, in trincea, non si e' parlato che di lui. La sua morte è una calamità per il battaglione. Ma stasera abbiamo già altri discorsi, altri pensieri. Questa guerra è fatta così.

Paolo Caccia Dominioni nel suo diario mette come data di morte il giorno 9 Settembre 1917, mentre l'Albo d'oro caduti il giorno 16 Settembre. Il Sergente Roncoroni non risulta sepolto tra i caduti noti al Sacrario di Redipuglia. 

foto attuali della Dolina Novara:


   

Nessun commento:

Posta un commento